Gestori carburante

Gestori carburante in crisi

Gestori carburante in crisi e tornano gli aumenti

“Continua il caro carburanti nonostante il taglio di 25 centesimi delle accise effettuato dal Governo.

I prezzi però, lungi dallo stabilizzarsi, sono aumentati già il giorno successivo dall’attuazione del decreto erodendo il risparmio, pur minimo, per gli automobilisti”.

Ci sono una serie di costi che vanno a influire e il guadagno dei gestori è limitato:

“meno litri si acquistano con la stessa somma, ad esempio 50 euro, e meno i gestori guadagnano fatta salva, però, la percentuale da riconoscere al circuito di credito.

Calcolata ovviamente sulla somma spesa.

Gli aumenti della benzina da cosa dipendono?

– l’aumento dei prezzi del Brent – cioè il mercato, OPEC+ (cioè i 13 Paesi dell’OPEC più altri 10 associati) di non aumentare la propria produzione.

  • le accise sul disastro del Vajont del 1963, dopo l’alluvione di Firenze del 1966, il terremoto del Friuli del 1976, dell’Irpinia 1980 e molti altri.
  • La terza componente è l’IVA, che si calcola sia sul prezzo del carburante netto sia sulle accise, di fatto una tassa sulla tassa.

 il prezzo totale della benzina è di 1,953 euro al litro, formati da:

  • 0,872 € – prezzo industriale;
  • 0,728 € – accise;
  • 0,353 € – IVA.

La soluzione non è aumentare il prezzo finale danneggiando automobilisti e camionisti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.