Richiesta provvedimenti urgenti per il contrasto all’occupazione abusiva delle case popolari a Milano.

ci associamo e condividiamo la seguente richiesta della

Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti di Isabella Cocolo, Presidente A.N.C.C.

Richiesta provvedimenti urgenti per il contrasto all’occupazione abusiva delle case popolari a Milano.

La presente in qualità di Presidente dell’Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti, c.f. 92097020348, con sede a Firenze in via di San Niccolò 21 (doc. 1, statuto e documento d’identità).

Ci è stato segnalato l’articolo “A Milano occupate dal racket le case popolari dei malati di Covid ricoverati” pubblicato su EstremeConseguenze.it alla pagina web https://estremeconseguenze.it/2020/03/29/covid-a-milano-in-periferia-e-miseria-occupate-case-dei-malati/

Tale gravissima situazione, esistente da anni, con reati commessi approfittando dello stato di emergenza e della malattia dei cittadini assegnatari degli immobili, è inaccettabile e vergognosa. È infatti incredibile che una delle principali città d’Italia sia trasformata in un vero e proprio Far West.

Tanto premesso, considerata la particolare situazione di emergenza, al fine di prevenire e reprimere le suddette attività illecite contrastandone la proliferazione nonché proteggere la collettività e tutelare la sicurezza la scrivente chiede alle Autorità in indirizzo, ciascuna per la propria competenza, i seguenti provvedimenti urgenti:

1)               l’adozione di un provvedimento con effetti limitati al periodo dello stato di emergenza, che preveda per i suddetti reati la procedibilità d’ufficio, l’arresto immediato degli occupanti compresi i minori, l’esecuzione immediata del tampone a tutti gli occupanti, la custodia in carcere o gli arresti domiciliari;

2)               l’impiego delle Forze di Polizia per l’immediata liberazione degli immobili;

3)               la messa in sicurezza degli alloggi liberati;

4)               il divieto di assegnazione, anche in qualità di componente della famiglia, di  un alloggio di edilizia residenziale pubblica per coloro che hanno abusivamente occupato gli immobili;

5)               l’installazione di sistemi di videosorveglianza e di allarmi anti-intrusione nei quartieri di Milano che sono oggetto del racket delle occupazioni abusive;

6)               l’adozione di ogni altra disposizione per prevenire le occupazioni in oggetto.

indirizzata a

Al Presidente del Consiglio dei Ministri                                    presidente@pec.governo.it

Al Ministro dell’Interno                                                    gabinetto.ministro@pec.interno.it

Al Questore di Milano      gab.quest.mi@pecps.poliziadistato.it     urp.quest.mi@pecps.poliziadistato.it

Al Prefetto di Milano                                                         protocollo.prefmi@pec.interno.it

Al Comune di Milano                                                        protocollo@postacert.comune.milano.it

Alla Regione Lombardia                                                   presidenza@pec.regione.lombardia.it

All’Azienda Lombarda per l’Edilizia Residenziale       protogen@pec.aler.mi.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.