Menu Chiudi

Diabete, speculazione sui controlli in farmacia

attrezzature mediche

Prendiamo spunto dal costo rilevato nell’articolo di Varese Press

per fare delle comparazioni.

Diabete, speculazione sui controlli, a favore di chi?

La DURATA dell’esame è di qualche minuto ed il COSTO è di 3 euro.  FARMACIA COMUNALE LONIGO ( https://it.wikipedia.org/wiki/Lonigo ), mentre non si capisce il perchè di una varietà di costi a carico dell’utente, come si sono accorti anche altri:

Anac: “Costi troppo difformi tra una Regione e l’altra. Con il prezzo di riferimento possibili risparmi fino al 42%”

” L’indagine, condotta col supporto dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (AGENAS) si è concentrata in particolare sui meccanismi di approvvigionamento di questi  dispositivi, per i quali si spendono a livello nazionale oltre 500 milioni l’anno. Particolare attenzione è stata rivolta alle strisce reattive che rappresentano la voce di spesa più consistente.

“Ne è emerso  – si legge nel rapporto ANAC – un quadro contraddistinto dalla predominante sottrazione dell’approvvigionamento dei dispositivi dal confronto concorrenziale assicurato dalle procedure ad evidenza pubblica di cui al Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 (Codice dei contratti pubblici) e dalla marcata differenziazione tra Regioni in ordine alla spesa sostenuta per tali dispositivi, situazione che apre il campo a scenari suscettibili di produrre ampi risparmi di spesa.” (fonte Quotidiano Sanità)

E dall’indagine sono emerse reticenze da alcune regioni nel fornire i dati , cosa molto grave che potrebbe fare pensare ad interessi politico/economici su un settore così importante ma anche di grande peso economico.

I costi dipendono dalla ” modalità di approvvigionamento e distribuzione dei dispositivi medici  assicurata dall’accordo convenzionale delle Regioni con le associazioni di categoria delle farmacie (92,4% della spesa complessiva” perchè l’ANAC (Autorità Nazionale Anti-Corruzione) precisa che “gli accordi convenzionali con le farmacie, pur essendo legittimi, presentano delle criticità in termini di sottrazione al confronto competitivo garantito dalle procedure ad evidenza pubblica di cui al d.lgs. 50/2016.

Altro aspetto inquietante, “le associazioni pazienti segnalano che le gare a prodotto unico (prassi che si sta diffondendo in diverse Regioni) non garantiscono la diversificazione di prodotto, in grado di venir incontro alle esigenze di ciascun paziente”

Quali sono le regioni più efficienti e quali meno?

“un certo grado di inefficienza nel processo di approvvigionamento di alcune Regioni”; Basilicata, Calabria, Lazio, Provincia autonoma di Bolzano e di Trento sono le Regioni che acquistano a prezzi maggiori, mentre le Regioni più ‘virtuose’  sono Abruzzo, Emilia Romagna, Liguria e Valle d’Aosta.

Il prezzo delle strisce che vengono utilizzate varia, come mai?

L’analisi inoltre dimostra che le differenze di prezzo non dipendono dalla “presunta qualità del prodotto, quanto dal grado di efficienza del processo di approvvigionamento delle diverse Regioni”.

Alla fine come al solito c’è di mezzo la politica che dovrebbe tutelare tutti i cittadini al Nord come al Sud e garantire processi di acquisto lineari e trasparenti ma anche rispondenti ai bisogni dei cittadini che pagano …

Il nostro intento quindi è quello di mettere il “dito nella piaga” facendo emergere speculazioni ed inefficienze che penalizzano sul piano economico alcune regioni e i loro abitanti, a favore di lobbies politico/farmaceutiche affaristiche che distorcono le regole di mercato a favore di pochi.

Facciamo appello agli attivisti e ai simpatizzanti in tutta Italia perchè siano attenti e ci segnalino queste ed altre “anomalie”. Chiudiamo con una citazione.

“Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell’Occidente è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere né il presente né il futuro. Vivono come se non dovessero non morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto.” 
DALAI LAMA

Giuseppe Criseo

Presidente

CASADEGLITALIANI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.